Archivio della categoria: Aziende

Alla scoperta dell’acqua micellare

A volte trovare il prodotto giusto per pulire la pelle dopo una serata che ha impiegato l’utilizzo di un trucco magari più particolareggiato del solito, non è così semplice. Molti prodotti, infatti, non lasciano sulla pelle quella giusta sensazione di fresco e pulito che un prodotto che agisce sull’epidermide dovrebbe regalare. L’acqua micellare, prodotto che esiste da molto tempo, ma che in pochi ancora conoscono, può essere la soluzione ideale per chi vuole in un’unica soluzione l’azione struccante e quella idratante e protettiva.

Perché utilizzare l’acqua micellare

Si tratta di una tipologia di tonico che racchiude in se le proprietà benefiche e curative dell’acqua termale e quelle sfoglianti delle sfere “micelle” contenute in questo prodotto e che ne danno il nome.  Tuttavia di tipologie di acqua micellare in commercio ce ne sono davvero molte e scegliere quella più adatta alla propria pelle può non essere poi cosi semplice.

Esiste, ed esempio, l’acqua micellare ricca di cetriolo e glicerolo adatto soprattutto a purificare, lenire e idratare le pelli più sensibili anche in profondità. C’è, invece, l’acqua micellare che presente acido ialuronico o quella che è adatta a epidermidi con problemi dermatologici.

Ci sono, invece, le tipologie di acqua micellari particolarmente adatte a struccare e detergere il viso: ce ne sono, insomma per tutti i gusti, con ottimi rapporti qualità prezzo, l’importante è partire dalle proprie esigenze e scegliere quella più adatta.

Come utilizzare questo prodotto

L’acqua micellare è in realtà molto semplice da utilizzare: proprio come un comune struccante sarà sufficiente metterne qualche goccia su un dischetto pulente e passarlo sul viso. Lo stesso procedimento può essere utilizzato anche da chi vuole semplicemente idratare la propria pelle e non ha la necessità di struccare il volto.

L’acqua micellare può essere passata anche su occhi e bocca tranquillamente senza nessun pericolo corrosivo e in questo modo si potrà eliminare qualsiasi traccia di trucco, anche quelle più insidiose.

Centri estetici e sterilizzazione: un binomio obbligatorio

Per tutti i centri estetici la sterilizzazione rappresenta una procedura obbligatoria per legge a tutela della salute degli operatori e dei clienti. Chi lavora in contesti professionali di questo tipo, quindi, è tenuto a fare ricorso a sterilizzatrici di fascia alta specifiche per le spa e per i centri estetici. La legge, in particolare, impone che per la sterilizzazione venga usata l’autoclave. Si tratta di uno strumento che presuppone un utilizzo semplice e una gestione facile, e che garantisce la totale sterilizzazione degli strumenti senza alcun margine di rischio. L’autoclave costituisce, in effetti, l’apparecchiatura più evoluta sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista scientifico: è, pertanto, una garanzia di professionalità.

Considerati i rischi di infezione che sono presenti in qualsiasi centro estetico, è auspicabile che gli operatori del settore acquisiscano una maggiore consapevolezza dell’importanza della sicurezza e della sterilizzazione (maggiori info sul sito www.bisecco.net). Le autoclavi impiegate in questo ambito sono quelle di classe S: tramite esse è possibile sterilizzare gli strumenti che vengono imbustati, e inoltre l’avvenuta sterilizzazione è confermata dalla visione fornita da una stampante integrata. In effetti, lo scontrino che la stampante emette è importante perché, in caso di contenzioso, ha valenza di prova giuridica: in sostanza, l’estetista è sempre tenuto ad avere la possibilità di dimostrare che gli strumenti che ha utilizzato sono stati sterilizzati in precedenza.

Le procedure preliminari alla sterilizzazione

Prima di provvedere alla sterilizzazione vera e propria con l’autoclave, è necessario fare riferimento a una serie di procedure, che devono essere rispettate e applicate in modo corretto: solo in questo modo, infatti, è possibile avere la certezza del risultato. Ecco, dunque, che la prima fase del ciclo di sterilizzazione è rappresentata dalla disinfezione: essa è di carattere biologico, nel senso che ha lo scopo di ridurre al minimo la carica batterica, secondo quanto previsto dall’ex D. Lgs. 626/94 relativo alla tutela della salute del lavoratore. Molto importante, poi, è la detersione, da cui non si può prescindere nell’eventualità in cui sugli utensili e sugli attrezzi siano presenti dei residui di sangue o comunque delle evidenze di contaminazioni: la detersione viene eseguita con gli ultrasuoni.

Dopodiché, è il momento dell’asciugatura e del confezionamento: la prima può essere effettuata anche a mano, a patto di usufruire di guanti e dispositivi di protezione idonei, in modo tale da evitare punture o tagli. In effetti, è bene applicare la massima attenzione possibile, visto che potenzialmente gli strumenti sono ancora contaminati. Prima dell’imbustatura, l’asciugatura è fondamentale perché evita il rischio che gli strumenti si corrodano, si ossidino o vedano la formazione di macchie di colore biancastro. Il confezionamento, nell’ambito della sterilizzazione, serve – infine – a fare sì che gli strumenti possano essere conservati per 30 giorni perfettamente sterili: per questo si ricorre a delle buste che si autosigillano estremamente comode.

Progettazione Centro Benessere: un’idea di sostenibilità dall’India

I vincitori del concorso BIM 2011 in India hanno progettato un centro di salute e benessere seguendo la filosofia che la forma deve seguire la funzionalità. Anche se lo studio del clima li ha aiutati nello scegliere la forma e il tipo di costruzione, è stato altrettanto importante per loro comprendere e assecondare le emozioni umane, in modo da poter scegliere delle caratteristiche di design e dei particolari materiali per favorire la salute umana e uno stato di benessere.

 

Progettazione Centro Benessere Passiva

Il clima in India si presta bene per mettere in atto delle strategie progettuali passive. La squadra di progettazione, infatti, ha iniziato studiando ile modo in cui il sole ed il vento si muovevano sul sito di costruzione.

Hanno pensato bene di voler orientare un edificio lineare lungo l’asse est-ovest e, una preventiva analisi energetica, ha dimostrato che questa era in effetti l’efficienza energetica maggiore rispetto alle altre alternative pensate.

Il lato nord dell’edificio è costituito principalmente da vetro e fessure nelle pareti e nei soffitti per approfittare della luce del giorno, mentre il lato sud dell’edificio è ricoperto da viti rampicanti sia per bloccare il forte sole del sud che per consentire di utilizzare il cortile anche quando è estremamente assolato.

Questo orientamento consente anche di sfruttare appieno una piacevole brezza all’interno della costruzione che spesso soffia da nord sul sito. Ciò contribuirà a mantenere alto il comfort degli occupanti, nonostante le alte temperature e la pesante umidità che il sito può sperimentare.

Inoltre, il gruppo ha installato una massa termica nelle pareti e nei pavimenti per controllare e mantenere stabile il flusso di calore proveniente dall’esterno: ciò consente all’edificio di rimanere fresco durante tutto il giorno.

 

Sostenibilità e benessere umano

Questa progettazione centro benessere evoca una calma meditativa con la sua dimensione profondamente umana, che si apre gradualmente verso gli spiazzi esterni dei piacevoli cortili.

Il team ha scelto di utilizzare per la struttura materie prime naturali come il cemento e la terracotta per dare la sensazione di comfort ma anche per evocare un ambiente incontaminato e sano.

Quando i revisori del progetto hanno commentato che l’edificio sembrava un resort, sapevano che sarebbe stata una struttura ammirata in tutto il mondo!

 

Process Design

La squadra ha iniziato con una sessione di progettazione di una giornata dove hanno lavorato e abbozzato insieme per stabilire i concetti di costruzione di base e la forma principale.

Da qui sono partiti per utilizzare tutte le nuove competenze in fatto di design funzionale e sostenibilità per articolare pienamente il disegno, migliorando sia l’uso dell’energia che la qualità dello spazio.

 

Neve e relax nelle Spa: le migliori destinazioni

Prendere una pausa dalla routine ma ancora non sai se portare il tuo partner a sciare oppure alle terme? Per sfruttare l’ultima neve e allo stesso tempo rilassarsi HolidayCheck.it, il più grande portale europeo di recensioni d’hotel, ha selezionato alcune location che accontentano tutti.

Bärenhotel, Italia
Si trova sulle pendici della località sciistica di Plan de Corones. Camere rustiche, tradizionali, con un tocco di eleganza unito allo stile alpino e ad una calda accoglienza. Dispone di un idromassaggio all’aperto, una piscina coperta panoramica, un centro estetico, diversi tipi di saune e una sala relax con cromoterapia. Si scia nel comprensiorio del Plan de Corones, in alta quota oppure in basso dove non vi sono piante e le piste sono ampie e con dolci pendii. E inoltre possibile fare delle bellissime escursioni, dirigendosi verso Brunico o verso San Vigilio.

Tuxerhof Alpin Spa Hotel, Austria
Questo hotel, situato sul ghiacciaio di Hintertux nel Tirolo austriaco, è un 4 stelle e si é visto attribuire l’HolidayCheck Award 2011 come miglior struttura alberghiera dell’Austria. Possiede un ampio centro termale, una piscina coperta, un panorama romantico nonché un ristorante che vi delizierà con i tipici piatti tirolesi. Per sciare, la Zillertal Gletscherwelt di Tux dispone di 74 impianti di risalita e di 93 ettari di superficie sciabile.
Hotel-Balneari Sant Vicenç, Spagna
È un hotel termale situato vicino ai bagni di Sant Vicenç (Spagna), a soli 20 chilometri da Lles Ski Resort. Si affaccia sul fiume Segre, offre trattamenti farmacologici e molta scelta per itinerari a piedi e a cavallo.
Hotel Rovanada, Svizzera
La zona termale, a soli 300 metri da questo hotel, offre un’ampia varietà di massaggi e trattameti, compresa la sauna ed il bagno di vapore alle erbe Tüufelstei (che dà anche il nome ad un tipico piatto del cantone dei Grigioni a base di pietanze cotte su una piastra di pietra). La vista e il giardino sono a detta di tutti gli utenti di HolidayCheck magnifici.
Hotel Grau Roig, Andorra
L’Hotel Grau Roig, circondato dai Pirenei e dai laghi andorrani, si trova ai piedi della stazione sciistica di Grandvalira e per questo è l’ideale per gli sciatori. Presenta un centro benessere con tanto di piscina coperta, vasche idromassaggio, sauna e bagno turco. Se ci andate non perdetevi il Teatro del Vino: con i suoi tipici piatti di montagna e oltre 400 vini, è un “must”.
Alm- & Wellnesshotel Alpenhof, Germania
Più che un hotel è un centro benessere alpino che, grazie alla sua posizione privilegiata, offre una vasta gamma di attività culturali. A pochi passi si trovano alcuni siti turistici come la “Adlerhorst” (significa “nido d’aquila”, fu ufficialmente il quartier generale segreto di Hitler nella regione del Taunus), il lago Königsee, nonché Salisburgo (patrimonio mondiale dell’umanità dal 1996) e la sua miniera di sale che si trovano a soli 30 minuti.